Home Borsa Quotazione in Borsa a Piazza Affari, Fisco italiano tende la mano alle...

Quotazione in Borsa a Piazza Affari, Fisco italiano tende la mano alle Pmi

0
CONDIVIDI

Nel 2017 in Borsa a Piazza Affari sono state ben 24 le ammissioni di altrettante società sul mercato azionario rispetto alle sole 11 dell’anno precedente. Grazie anche all’andamento favorevole dei mercati azionari, le PMI italiane, a partire da quelle innovative e con potenziali tassi di crescita elevati, sembrano essere sempre più attratte dal capitale di rischio.

Credito di imposta per le PMI che puntano alla Borsa di Milano

Questa tendenza positiva, inoltre, è stata alimentata pure dal lancio dei Pir, i Piani individuali di risparmio la cui raccolta si è attestata ben oltre le attese. Inoltre, per il 2018, attraverso la Legge di Bilancio, a tendere la mano è pure il Fisco italiano nel riconoscere, alle aziende che si quotano in Borsa a Piazza Affari, un sostanzioso credito di imposta.

Basti pensare che, ad un anno dal loro lancio, la raccolta sui Pir è stata pari all’incirca ad 11 miliardi di euro rispetto ai 1,6 miliardi di euro inizialmente previsti. Una quota parte delle risorse destinate ai Pir possono e potranno essere investite in società quotate, ed in particolare in quelle le cui azioni vengono scambiate sull’AIM Italia che è il mercato di Borsa Italiana SpA che è dedicato proprio alle piccole e medie imprese italiane che vogliono investire nella loro crescita.

Legge di Bilancio 2018, IPO Pmi: le imprese possono risparmiare sui costi di consulenza

Lo sbarco in Borsa a Milano delle Pmi, come sopra accennato, sarà agevolato anche dalla misura del credito di imposta che l’impresa che si quota matura sul 50% dei costi di consulenza che vengono sostenuti per l’Ipo con un massimo di mezzo milione di euro ad azienda, e per una misura che, a fronte di una dotazione finanziaria pari ad 80 milioni di euro, avrà validità, salvo proroghe, fino alla data del 31 dicembre del 2020. In accordo con le previsioni formulate da Ir Top Consulting, nel giro di tre anni il numero di aziende quotate a Piazza Affari sull’AIM Italia potrebbe triplicare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here