Home Credito Tassi prestito 2018 in banca, nuovo minimo storico a febbraio

Tassi prestito 2018 in banca, nuovo minimo storico a febbraio

0
CONDIVIDI

Chiedere un prestito in banca continua ad essere in Italia un’operazione finanziaria molto conveniente per quel che riguarda la spesa per interessi. Con il Rapporto Mensile di marzo, infatti, l’Associazione Bancaria Italiana ha reso noto che, nel mese di febbraio del 2018, il tasso di interesse medio alla clientela per i prestiti si è attestato al nuovo minimo storico del 2,69%.

Controvalore prestiti 2018 erogati a febbraio dal sistema bancario

Il controvalore complessivo dei prestiti erogati nel mese di febbraio del 2018 in Italia, da parte del sistema bancario, si è attestato a 1.777,2 miliardi di euro rispetto ad una raccolta da clientela che è stata pari a 1.707,3 miliardi di euro, ovverosia inferiore di quasi 70 miliardi di euro.

Per quel che riguarda invece la tendenza, nel febbraio scorso i prestiti alle famiglie ed alle imprese hanno fatto registrare anno su anno una crescita pari all’1,9% confermando peraltro quello che, per il credito in Italia, è un trend positivo in essere.

Credito ipotecario, mercato dei mutui si conferma in crescita

Anche per il credito ipotecario la dinamica delle erogazioni continua ad essere positiva. Dai dati di gennaio del 2018, forniti sempre dall’ABI, è infatti emerso che per i mutui alle famiglie la crescita in controvalore è stata pari anno su anno al 3,2%.

A fronte della dinamica crescente delle erogazioni, inoltre, per il sistema bancario si registra un netto miglioramento della qualità del credito considerando che, riferisce altresì l’Associazione Bancaria Italiana, nell’arco degli ultimi 13 mesi le sofferenze bancarie nette sono scese del 30%.

Per sofferenze nette, in particolare, sono da intendersi quelle calcolate al netto delle svalutazioni e degli accantonamenti che già gli istituti di credito hanno effettuato utilizzando risorse proprie. Considerando il solo mese di gennaio del 2018, le sofferenze nette si sono attestate a 59,3 miliardi di euro, ovverosia in calo rispetto ai 64,1 miliardi di euro del mese precedente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here