Home Economia Bitcoin oggi, conviene ancora investire in criptovalute?

Bitcoin oggi, conviene ancora investire in criptovalute?

0
CONDIVIDI

Le criptovalute diventeranno persino più importanti di materie prime quali oro e petrolio, o il Bitcoin è solo una illusione speculativa finanziaria che scoppierà da un momento all’altro? Perché credere ancora nella moneta digitale per fare investimenti.

Investire in Bitcoin è conveniente

Se qualche millennio fa avessero previsto che il valore delle materie prime fosse soppiantato da un oggetto inesistente chiamato moneta virtuale, di certo nessuno ci avrebbe creduto. Eppure questi file, perché alla file sono delle estensioni mp4 di codice binario, sono riusciti nell’intento di abbassare la quotazione dell’oro, un materiale che era una garanzia per la vecchia scuola della Borsa Valori. La rivoluzione delle criptomonete è iniziata con il Bitcoin, una delle tante valute digitali inventata da Satoshi Nakamoto, uno pseudonimo in cui pare si celino diversi hacker operativi tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009.

Allora, solo in pochi avevano capito le potenzialità di questa invenzione che sostituisce, di fatto, banconote e monete, ma che si presenta come una criptovaluta che nessuno Stato o ente superiore, come ad esempio la Banca Centrale Europea o la Banca d’Italia, si sente di riconoscere e, in quanto tale, non gode di nessuna tutela. Certamente, se un investitore principiante vedesse per bene la situazione generale e l’alto rischio di investimento che comporta il Bitcoin, ma anche le altre crittovalute, se ne guarderebbe bene dal comprarli, ma in realtà il sistema potrebbe rivoluzionare veramente il mondo finanziario, anche perché ormai si investe tramite il proprio pc di casa attraverso piattaforme apposite per il trading in Bitcoin,  materie prime, azioni e coppie di valute reali e virtuali.

Come funziona il sistema Bitcoin

Senza dubbio, la domanda che nasce spontaneamente è come è possibile l’esistenza di questa criptovaluta chiamata Bitcoin se non ha, all’apparenza, nessuna base? Essa esiste perché, come avviene  da sempre, la gente fa compravendita di merce in cambio di denaro. Infatti, si effettuano scambi di determinati beni e servizi all’interno di una piattaforma virtuale e non solo si riconosce la suddetta valuta, bensì si accetta il suo valore negli scambi. Inoltre, il tutto viene garantito dalle cosiddette blockchain: con questo sistema, le transazioni sono trascritte in una specie di registro pubblico virtuale. Questo fantomatico libro mastro può essere consultato da tutti, ma essendo protetto da crittografia, non può subire modifiche o contraffazioni. Il valore di un Bitcoin è estremamente volatile, quindi se oggi si aggira intorno ai 17mila dollari, può repentinamente tornare come in passato a circa 2000 dollari. Del resto, se nel 2010 per pagare la consegna delle pizze a domicilio si sono usati i Bitcoin, si possono utilizzare anche per un investimento a breve, medio e lungo termine.

Quotazione oro al ribasso, Bitcoin nuovo bene rifugio?

Tutto questo per arrivare al punto: meglio investire nell’oro e nelle materie prime in generale, oppure ci sarà un passaggio al Bitcoin? Questo perché sono circolate delle notizie nei diversi forum che trattano argomenti finanziari e di trading online in cui si lanciava l’allarme riguardo l’abbassamento della quotazione dell’oro per colpa del crescente successo delle crypto. Anche i broker online, grazie ai loro grafici, stanno mostrando delle previsioni sul prezzo delle criptovalute che fanno pensare che il metallo giallo non sia più da considerare un bene rifugio. E’ vero, il prezzo dell’oro si è abbassato, ma non certo pe colpa di Bitcoin e affini. Intanto, sono due asset diversi e che la crisi dell’oro potrebbe essere momentanea. Effettivamente, il cosiddetto bene rifugio è adatto per investimenti a lungo termine, mentre i Bitcoin sono  ideali per chi ama fare trading e gli investimenti a scopo speculativo. Quindi, investire sia nell’oro, sia nel Bitcoin comporta sempre dei rischi, ma tutto sta a valutarne l’entità e a destinare la somma adeguata a uno o all’altro investimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here