Home Economia Istat: Cresce il reddito ma anche la disuguaglianza

Istat: Cresce il reddito ma anche la disuguaglianza

0
CONDIVIDI

Il 30% è a rischio povertà. Siamo ancora una volta alla statistica del pollo, cresce il reddito delle famiglie italiane ma un terzo è a rischio povertà. Dobbiamo anche considerare che l’Istat, l’istituto di statistica nazionale, lo stesso che ha reso noto questo dato, ha recentemente certificato un incremento delle famiglie povere. Cosa significa questo contrasto dei dati, dunque? Se la media del reddito si è alzata nel corso del 2016 arrivando ad una media di 2500 Euro a famiglia, con un incremento dell’1,8%, +1,7% come potere d’acquisto, significa semplicemente che chi già aveva un reddito significativo l’ha incrementato mentre le famiglie a rischio povertà sono entrate con una certa percentuale nel campo della povertà e altre sono più vicine e tale soglia.

Aumentano le disparità sociali

E’ evidente a questo punto che aumenta il divario sociale tra chi incrementa il proprio reddito mentre il 30% delle famiglie italiane si trova in condizione di rischio di povertà. Ci troviamo di fronte ad un fenomeno preoccupante, un terzo degli italiani a rischio di povertà è una percentuale altissima, poco tollerabile in un Paese civile. Tutto questo accade mentre i segnali di ripresa indicano un miglioramento dell’Economia nazionale che peraltro viene poco percepita da gran parte della popolazione. La media del reddito è cresciuta a ritmo quasi doppio rispetto al resto d’Italia nel mezzogiorno che tuttavia resta ancora lontano dalla media nazionale in termini assoluti.

Siamo ancora lontani dai target

Secondo l’Istat nel 2016 gli italiani a rischio povertà assommavano a 18,136 milioni, superiori di 5,255 milioni rispetto al target previsto, con il 12,1% che si trovano in condizione di grave deprivazione materiale. Recentemente il Governo ha dato il via al reddito da inclusione, le cui domande di accesso sono aperte, questo è un innegabile aiuto possibile per le famiglie in condizioni difficili ma questo basterà a farle uscire dal rischio di povertà in cui troppi italiani versano?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here