Home Economia Mille Euro al mese? Come evitare spese e Vivere con poche risorse

Mille Euro al mese? Come evitare spese e Vivere con poche risorse

0
CONDIVIDI

Purtroppo lo Stato Sociale, il cosiddetto Welfare in Italia risulta essere piuttosto carente in quanto le agevolazioni possibili sono riservate a chi è davvero in condizione di grave povertà e nemmeno sempre, cosicché chi chi ha un misero stipendio con il quale riesce a pagare a malapena affitto e bollette resta escluso da aiuti e deve in qualche modo cavarsela, con gravi privazioni che talvolta riguardano anche la possibilità di curarsi.

Tra Ticket, super ticket, farmaci a pagamento e quant’altro, molte persone si trovano costrette a rinunciare ad eseguire esami diagnostici che potrebbero portare ad evitare il conclamarsi di malattie che rappresentano un aggravio di costi per il sistema sanitario ma questa è l’Italia e con questo dobbiamo fare i conti. Se hai uno stipendio da mille Euro al mese c’è poco da fare, le possibilità di aiuto offerte dallo Stato sono poche ma le andiamo comunque a vedere.

Bonus ed esenzioni

L’esercizio del diritto alla giustizia spesso non viene esercitato per il costo delle spese di avvocati ma la Legge determina che chi ha un reddito inferiore a 11.528,41 Euro annuali ha diritto al gratuito patrocinio legale in tutte le controversie di carattere civile e penale oltreché in quelle tributarie. Condizione per essere ammessi al gratuito patrocinio è, quindi, lo stato di povertà esplicitato attraverso il limite di reddito riportato e la possibilità di esito favorevole della causa, esclusi i casi in cui l’assistenza di un avvocato è obbligatoria per legge, in particolare nei casi di difesa in giudizio. In caso di causa intentata in gratuito patrocinio, tutte le spese legali sono azzerate ma non le spese legali in caso di sconfitta in causa a favore della controparte.

Le esenzioni

Il reddito di inclusione che è stato appena avviato non spetta a chi ha un reddito pari o poco inferiore ai mille Euro mensili in quanto il limite è di un reddito Isee non superiore a 6 mila Euro; analogamente l’esenzione al Canone Rai spetta solo a persone di età superiore a 75 anni e con Isee massimo pari a 6.713 Euro. La legge prevede anche la possibilità di usufruire di Bonus elettricità a Gas uno sconto in bolletta in buona sostanza, che spetta a chi ha un Isee non superiore a 8.107,30 Euro che sale fino a 20.000 Euro per le famiglie numerose con più di tre figli minori a carico. Infine le famiglie con Isee non superiore a 13 mila Euro hanno diritto all’esenzione dalle spese universitarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here