Home Fisco e Leggi Esonero contributivo 2018, Inps pubblica circolare per nuove assunzioni di giovani

Esonero contributivo 2018, Inps pubblica circolare per nuove assunzioni di giovani

0
CONDIVIDI

La legge 205 del 2017, ovverosia la ‘Legge di Bilancio 2018‘, ha introdotto un nuovo esonero dal pagamento dei contributi previdenziali, a favore dei datori di lavoro, in caso di nuove assunzioni di giovani lavoratori con contratto a tempo indeterminato.

Circolare Inps su esonero contributivo è stata pubblicata

Ne dà notizia l’Inps, Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, che venerdì scorso, 2 marzo del 2018, ha pubblicato la circolare sull’esonero contributivo per le nuove assunzioni 2018, a partire dall’1 gennaio, di giovani under 30 che, nel corso della loro vita lavorativa, con il medesimo o con altro datore di lavoro, non sono mai stati assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Con l’esclusione dei contratti di lavoro domestico, e dei rapporti di apprendistato, ai fini dell’accesso all’esonero contributivo i datori di lavoro devono assumere i giovani lavoratori con un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Inoltre, solo per il 2018, l’Inps precisa che l’esonero contributivo scatta per le nuove assunzioni di giovani con un limite di età pari a 35 anni.

Esonero contributi previdenziali, ammontare e durata

Il datore di lavoro può beneficiare dell’esonero contributivo, a partire dalla data di assunzione di giovani, per un periodo pari a 36 mesi nella misura del 50% del contributi previdenziali dovuti con l’esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’Inail, e nel limite massimo di 3 mila euro annui.

L’Inps precisa inoltre che l’esonero contributivo è concesso pure per l’assunzione a tempo indeterminato di giovani che hanno terminato il periodo di apprendistato e che abbiano un’età inferiore ai 30 anni. In tal caso, sempre per le nuove assunzioni dall’1 gennaio del 2018, l’esonero contributivo, nel limite massimo di 3.000 euro annui, è concesso non per 36 mesi ma per soli 12 mesi.

L’esonero contributivo passa invece dal 50% al 100% per le assunzioni a tempo indeterminato di giovani che, nei sei mesi precedenti, presso lo stesso datore di lavoro hanno svolto periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, oppure hanno svolto attività di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here