Home Investimenti Effetto mondiale dello Tsunami. Sui mercati guadagno delle rinnovabili.

Effetto mondiale dello Tsunami. Sui mercati guadagno delle rinnovabili.

0
CONDIVIDI

I tristi eventi accaduti in Giappone si stanno ripercuotendo su tutto il globo, con relativi effetti politici ed economici. Sul versante politico l’UE è pronta ad aiutare il paese del Sol levante, con interventi concreti. Dopo il messaggio di solidarietà e cordoglio, espresso l’altro giorno da Barroso, la Commissione ha attivato il sistema di mobilità della protezione civile, per fornire assistenza concreta. Intanto il Giappone ha chiesto aiuti concreti anche ad Obama, dopo che l’allarme nucleare è di nuovo schizzato sul rosso, in seguito ad altre esplosioni, verificatosi questa notte nella centrale di Fukushima.

La cautela sul nucleare ha raggiunto il cuore dell’Europa. Il cancelliere Angela Merkel ha annunciato ieri lo stop provvisorio ai 3 vecchi reattori, a fianco di una moratoria di tre mesi sulla decisione di allungare di 12 anni la vita delle 17 centrali nucleari. Ma la lista in Europa non finisce: Berna ha bloccato la procedura di autorizzazione alla costruzione di tre nuovi impianti, mentre l’Austria chiede un riesame a livello europeo, e per l’intera Unione Europea, la Commissione terrà un vertice con i responsabili ufficiali dei paesi membri in possesso di centrali nucleari.

Sul fronte dei mercati la situazione è drammatica.
In chiusura il Nikkei (indice dei titoli principali a Tokyo) ha perso più del 10 percento, uguale la picchiata subita dal Topix, riferito all’intero listino (-9%). Il governo nipponico cerca di rimediare, proponendo un acquisto statale di azioni, stando a quanto affermato nel discorso del ministro delle politiche economiche e fiscali. Intanto tutte le borse Europee vanno giù, con Cina, Stati Uniti e i principali mercati di capitali del mondo.

Da segnalare l’evento in controtendenza dei titoli collegati alle energie rinnovabili, come Enel Greenpower, che, spinti al rialzo già dai recenti avvenimenti in medio oriente, continuano la loro corsa all’aumento.

In particolare riguardo alla situazione Enel, che oggi ha comunicato l’aggiornamento del piano industriale, si indicano i risultati positivi riscontrati negli ultimi tre anni, sotto l’amministrazione Conti. Quattro le priorita’ strategiche per il prossimo futuro (2011-2015): rafforzamento e crescita organica nel settore delle rinnovabili ( specie in America Latina, in Russia ed in Europa Orientale); leadership nei mercati di riferimento; consolidamento, integrazione ed efficienza operativa e leadership nell’innovazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here