Home Investimenti Esaote venduta ai cinesi

Esaote venduta ai cinesi

0
CONDIVIDI

Ancora un pezzo d’Italia in mano cinese. Ormai possiamo ben considerare una gran parte del commercio di No Food in mano cinese nel nostro Paese, crescono come funghi i grandi magazzini di prodotti no food in mano ai cinesi, sono ormai pochi i negozi di questo genere merceologico italiani.

Anche in campo tecnologico, soprattutto nel commercio Online la Cina si ritaglia sempre maggiori spazi di mercato, pur restando in mano ad Apple e Samsung il primato ma Huawei, Xiaomi e altre aziende cinesi si propongono con prodotti di alta qualità e con costi assolutamente concorrenziali, convincendo molti utenti di questo campo.

Altri pezzi importanti sono già in mano cinese, comprese società calcistiche: il calcio milanese è orientale e lo stesso anche nel campo della moda, vanto italiano e in mano cinese. Ora va in mano cinese un altro pezzo di industria italiana, un importante simbolo di tecnologia in campo medico, Esaote Biomedica.

Alibaba dietro all’operazione Esaote

Era la scorsa estate quando Jack Ma, patron di Alibaba aveva messo gli occhi su Esaote Biomedica, un’azienda di eccellenza italiana nel settore delle apparecchiature elettromedicali a livello globale: In particolare nel settore degli ultrasuoni l’azienda genovese è assolutamente leader, in competizione con colossi del calibro di Toshiba e Philips. Ora a distanza di pochi mesi, è arrivata l’acquisizione per un valore di circa 300 milioni di -euro.

Esaote, passata di mano, manterrà comunque il marchio mentre la cordata messa insieme da Jack Ma si propone di acquisire una posizione di assoluta preminenza in Cina grazie alla tecnologia di Esaote. Il mercato cinese è in grande sviluppo in questo settore e di conseguenza lo è il Business ad esso connesso.

Naturalmente anche Esaote ne avrà beneficio, incrementando significativamente la propria penetrazione in un mercato dalle molte potenzialità. Per questo le società che fanno parte della cordata che ha acquisito Esaote Biomedica, metterà a disposizione tutte le principali reti distributive nel gigante orientale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here