Home Investimenti Investire in criptovalute conviene? Guida e consigli per farlo!

Investire in criptovalute conviene? Guida e consigli per farlo!

0
CONDIVIDI

Investire in criptovalute? E’ straordinariamente semplice. Ma è altrettanto straordinariamente difficile ottenere un guadagno sostenibile nel tempo.

Ebbene, se anche tu – come migliaia di altri neo-trader in Italia – ti stai ponendo domande come:

  • come acquistare la criptovaluta?
  • qual è la migliore criptovaluta in cui investire?
  • qual è il momento migliore per acquistare una criptovaluta?
  • come posso evitare di investire in frodi di criptovaluta?

… sei nel posto giusto!

Abbiamo infatti predisposto una guida completa che ti permetterà, passo dopo passo, di comprendere tutto ciò che devi sapere su come investire in criptovalute.

Ti consigliamo allora di ritagliarti qualche minuto di tempo per poterne sapere di più e, contestualmente, aprire subito un conto di trading gratis su eToro (sito ufficiale).

Ti sarà utile per poter iniziare a mettere in pratica le condivisioni che trovi nelle prossime righe. Fallo con un conto demo per azzerare ogni possibile rischio!

Leggi anche: Chi copiare su eToro? Guida, opinioni e consigli degli esperti

Le criptovalute e gli investimenti

Storicamente, le criptovalute sono una delle opportunità di investimento più volatili del mercato finanziario. E questa caratteristica può essere facilmente osservata dall’azione dei prezzi di Bitcoin, la più importante criptovaluta. Dal suo lancio nel 2009, il prezzo del Bitcoin è passato da meno di 0,01 dollari a un picco di 20.000 dollari, per poi scendere nuovamente sotto i 10.000 dollari al momento in cui scriviamo questo approfondimento.

Naturalmente, la volatilità di Bitcoin è un’arma a doppio taglio. Così come la criptovaluta è in grado di crescere vertiginosamente, è altresì in grado di subire diverse correzioni molto pesanti.

Peraltro, questa estrema volatilità si applica anche alle altre criptovalute, quelle diverse da Bitcoin. Nel 2017, per esempio, Ripple è aumentato di quasi il 16.000% passando da 0,0063 dollari a oltre 1 dollaro!

A ciò è però seguita una correzione del 90% che ha danneggiato molti investitori che hanno acquistato al top e… si sono trovati con pochi euro in mano.

Insomma, quanto sopra dimostra chiaramente come il Bitcoin e le altre criptovalute siano una classe di asset estremamente volatile, e dovrebbero essere sempre trattate con grande cautela.

Detto questo, è giunto il momento di esplorare il motivo per cui potresti avere convenienza a investire nelle criptovalute!

Investire in criptovalute
Come investire in criptovalute?

Perché investire in criptovalute?

Uno dei motivi principali per cui la gente si chiede se dovrebbe ancora investire nella criptovaluta è perché vede straordinari rendimenti di alcune monete e… dunque pensa che si dovrebbe fare in fretta a investire in questo mercato, prima che sia troppo tardi.

Ebbene, non è così!

Il mercato delle criptovalute è in forte crescita, ma è ancora una nicchia. Al momento in cui scriviamo, per esempio, si stima che meno di 10 milioni di persone siano attivamente coinvolte in questo ecosistema. È chiaro, dunque, che vi sia ancora molto spazio per la crescita, e che nessuna decisione di investimento dovrebbe essere presa con la fretta.

Un altro fattore per cui gli investitori più tradizionali potrebbero voler considerare di investire in asset digitali come Bitcoin è che possono servire da copertura contro l’iperinflazione delle valute fiat.

Gli investitori più accorti sanno che non è saggio lasciare tutte le “uova” nello stesso paniere, e che lo stesso vale anche con gli strumenti finanziari. In tal senso, le criptovalute possono dunque rappresentare un buon modo per poter diversificare i propri asset.

Leggi anche: Investire senza rischi? Consigli e opinioni per riuscirci al meglio

Come investire in criptovalute?

Un tempo investire in criptovalute era molto complesso. Oggi giorno, però, grazie all’azione di moderni broker come eToro (sito ufficiale), gestire i propri investimenti in valute digitali è semplice e conveniente.

Giova tuttavia commentare brevemente il fatto che non esiste un unico modo per poter comprare criptovalute, e che ogni approccio ha i suoi pro, e i suoi contro.

In particolare, puoi investire in criptovalute acquistando direttamente mediante un exchange, una Borsa come Coinbase o Bitstamp.

In questo modo diventerai proprietario delle criptovalute, e potrai metterle in un wallet per poterle rivendere in futuro (se le loro quotazioni saliranno) o utilizzarle per comprare beni o servizi. Tieni però conto che così facendo affronterai:

  • commissioni di trading per ogni operazione di acquisto e di vendita;
  • problemi derivanti dalla necessità di detenere le criptovalute in un wallet (sicurezza, costi, ecc.);
  • necessità che le criptovalute salgano di valore, considerato che non potrai investire sul loro ribasso.

Un secondo modo per poter investire sulle criptovalute è quello di acquistare degli ETP (Exchange Traded Products) o degli ETF (Exchange Traded Funds). In entrambi i casi, non avresti in mano l’effettivo asset sottostante, ma solo delle quote di uno strumento che investe in tali criptovaulte.

Sebbene a molte persone non piaccia questa opzione, perché vogliono effettivamente detenere le loro criptovalute per utilizzarle, ad alcuni altri piace perché l’esperienza dell’acquisto di un ETF, per esempio, è simile all’acquisto di un’azione sul mercato azionario.

Al momento in cui scriviamo, uno degli ETP più popolari è l’ETP $HODL, con sede in Svizzera, proponendo agli investitori una esposizione a Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Ripple e Litecoin.

Altra alternativa è quella di investire in azioni di società che operano nel settore delle criptovalute. Per esempio, una delle società che dovrebbe beneficiare maggiormente del boom di settore è NVIDIA, uno dei più grandi produttori di chip per il mining. Ancora, potresti investire in AMD, un altro produttore di chip che produce anche hardware per il mining, oppure TSMC, un produttore di hardware che è il principale produttore di BITMAIN, una delle più grandi aziende di mining di criptovalute.

I CFD sulle criptovalute

Ad ogni modo, a nostro giudizio il miglior modo per investire in criptovalute è quello di farlo con i broker più affidabili del momento, come eToro (sito ufficiale).

In questo modo potrai:

  • effettuare il trading in maniera gratuita, considerato che non ci sono costi per le operazioni di apertura e chiusura delle posizioni (la remunerazione per i broker è infatti determinata dallo spread);
  • non affrontare i rischi di sicurezza tipici degli exchange;
    investire sia in una fase di mercato crescente che in una fase di mercato calante, considerato che ciò che rileva è che tu sia in grado di prevedere correttamente come si evolve il prezzo delle valute digitali;
  • moltiplicare le tue opportunità di profitto grazie all’uso della leva finanziaria.
Investire in criptovalute
Suggerimenti per investire in criptovalute

Quali sono i rischi di investire in criptovalute

Sebbene vi sia chiaramente un grande potenziale nella crescita del mondo criptovalutario, investire in criptovalute è rischioso e non si dovrebbe mai investire in questo comparto più di quello che ci si può permettere di perdere.

Ma quali sono i rischi degli investimenti criptovalutari?

Abbiamo cercato, qui di seguito, di riassumere i principali:

  • volatilità: come accennato in precedenza, è del tutto normale che una criptovaluta possa fluttuare del 20% in un giorno in positivo o… in negativo! Inoltre, le criptovalute sono estremamente cicliche;
  • frodi: purtroppo l’ecosistema delle criptovalute è territorio fertile di truffatori & co. Bene pertanto investire solo attraverso operatori affidabili e regolamentati;
  • rischio di base: la blockchain, la tecnologia che alimenta la maggior parte delle criptovalute, è una tecnologia ancora estremamente giovane e non sappiamo ancora se sia il miglior approccio al problema che le criptovalute stanno cercando di risolvere.

Quali criptovalute conviene comprare?

È una delle domande più frequenti ma, evidentemente, è anche una di quelle domande a cui è più difficile rispondere. Bisogna infatti essere pienamente consapevoli che la risposta dipende dal fatto che la struttura del proprio portafoglio di criptovalute dipenda in gran parte dal tipo di investimento che si sta cercando.

Per esempio, vuoi investire nelle criptovalute perché sei alla ricerca di un guadagno a breve termine? Oppure vuoi prendere posizioni di lungo termine nel settore?

Ricorda che investire nelle criptovalute a breve termine è molto rischioso a causa delle fluttuazioni selvagge dei prezzi. Se questo è ciò che vuoi fare, allora per individuare le criptovalute da compare dovresti concentrarti maggiormente sull’analisi tecnica e sui metodi di trading speculativi.

D’altra parte, se vuoi prendere posizione sul lungo termine, allora dovresti prestare molta attenzione al valore fondamentale delle criptovalute in cui investire.

Per esempio, prima del 2015 non esistevano alternative di rilievo all’investimento in Bitcoin. Ma negli anni la situazione è cambiata radicalmente e, oggi, ci sono migliaia di valute alternative che potresti comprare.

Per esempio, oltre a Bitcoin potresti valutare l’investimento in Ethereum. Lanciata nel 2015, Ethereum è stata una delle prime piattaforme a consentire la creazione di “contratti intelligenti” e, ancora oggi, è la piattaforma di smart contract più popolare del mondo. Oppure puoi puntare su Ripple, Monero, Litecoin e tanto altro ancora!

Leggi anche: Comprare azioni Eni conviene?

Come diversificare un portafoglio di criptovalute?

Uno dei migliori consigli per gli investimenti in criptovalute è, evidentemente, quello di avere un portafoglio molto ben diversificato. Ma come fare?

Per poterlo comprendere giova ricordare subito che quando le criptovalute entrano in una fase decrescente, generalmente tutte subiscono delle perdite simili. Quindi, lo scopo di diversificare il proprio portafoglio criptovalutario non è quello di “coprire” una flessione del mercato, ma piuttosto cercare di mitigare il rischio di perdere capitale in una moneta che fallisce o che si rivela essere una truffa.

Se per esempio, un investitore con 1.000 euro, avesse investito tutto in Bitconnect (uno schema piramidale di criptovaluta che è oggi sparito, poiché crollato), allora… oggi avrebbe in tasca 0 euro!

Tuttavia, se avesse investito 100 dollari in 10 diverse criptovalute, e una di queste andasse a zero, come nel caso di Bitconnect, allora avrebbe perso solo il 10% e gli sarebbero rimasti 900 dollari.

È interessante notare che la diversificazione può essere utilizzata non solo per mitigare il rischio e le perdite, ma anche per massimizzare i profitti. Più criptovalute hai in portafoglio, più alta è la possibilità che ne abbia una che alla fine farà il botto, con un aumento dei prezzi di 50x o di 100x, spingendo drasticamente verso l’alto la performance complessiva del tuo portafoglio.

Un esempio di diversificazione

Un buon approccio per diversificare un portafoglio criptovalutario è quello di dividere le tue partecipazioni in 3 categorie di rischio:

  • la parte “sicura”: opta per criptovalute stabili, che hanno almeno 3 anni di storia alle spalle e che hanno una capitalizzazione di mercato di almeno 5 miliardi di dollari, come Bitcoin e Ethereum;
  • la parte “moderatamente sicura”: si tratta di monete che hanno almeno 1 anno di vita ma che hanno già un prodotto o una piattaforma funzionante, come NEO e Tron;
  • una parte “ad alto rischio”: si tratta di monete che hanno meno di 1 anno di vita alle spalle, o che non hanno un prodotto funzionante o che sono al di sotto della capitalizzazione di mercato di 500 milioni di dollari.

Di solito è raccomandabile di destinare rispettivamente il 60%, 30% e 10% dei tuoi fondi a ciascuna categoria di rischio per avere un portafoglio ben diversificato. La decisione finale spetta naturalmente a te e dipenderà dalla tua tolleranza al rischio.

Investire in criptovalute
Consigli finali per il trading di criptovalute

Conclusioni

Speriamo, a margine dell’approfondimento che oggi abbiamo voluto dedicare a questo tema, di aver efficacemente condiviso con te alcune riflessioni che ti permetteranno di avvicinarti in maniera più saggia all’investimento criptovalutario.

Ricorda che, una volta che ritieni di avere le idee chiare su questo comparto, la cosa migliore da fare è certamente quella di allenarti un po’ usando un conto demo di uno dei migliori broker in circolazione, come eToro (sito ufficiale). Si tratta di una piattaforma professionale di grandissima efficacia per il trading in valute digitali e, più in generale, per ogni asset finanziario, che siamo certi possa fare anche al caso tuo.

In questo modo potrai sperimentare con la massima sicurezza le tue intuizioni sugli investimenti in criptovalute e, naturalmente, potrai anche migliorare la tua conoscenza della piattaforma di trading che andrai poi ad utilizzare per poter effettuare le operazioni di trading in Bitcoin & co.

Ti ricordiamo altresì che se vuoi saperne di più sulle caratteristiche e sul funzionamento dei migliori broker, sul nostro sito trovi una esaustiva guida a eToro, sicuramente uno degli operatori più affidabili in questo comparto.

La parola ai nostri lettori!

A questo punto non possiamo che lasciarti invitandoti a parlare con noi e con tutti i nostri lettori di quel che pensi sul trading in criptovalute. Ci sono dei consigli e delle opinioni che vuoi condividere con lo staff e con i nostri utenti? Come investi in criptovalute? Quali tecniche e quali strategie adotti?

Il nostro punteggio
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here