Home Investimenti Investire in monete virtuali, Tesoro lancia schema di decreto in consultazione pubblica

Investire in monete virtuali, Tesoro lancia schema di decreto in consultazione pubblica

0
CONDIVIDI
Investire in criptovalute, Tesoro lancia schema di decreto in consultazione pubblica
Investire in criptovalute, Tesoro lancia schema di decreto in consultazione pubblica

Uno schema di decreto ministeriale che è stato posto in consultazione pubblica, e che è finalizzato a censire ed a comprendere il fenomeno relativo alle valute virtuali nei suoi diversi aspetti.

Dipartimento del Tesoro del MEF mette decreto in consultazione pubblica

In accordo con quanto è stato reso noto dal Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze, lo schema di decreto è visionabile dal sito ministeriale al fine di inviare, fino alla data del 16 febbraio del 2018, osservazioni e contributi.

Ed il tutto fermo restando che, ricorda il Tesoro con un comunicato, già con il decreto legislativo 25 maggio 2017 n. 90, con il quale è stata ulteriormente rafforzata la normativa italiana antiriciclaggio, è stato disposto che i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di criptovalute debbano assolvere agli obblighi antiriciclaggio al fine di evitare che, le transazioni effettuate con le monete virtuali, possano essere utilizzate per fini illegali.

Operatori in criptovalute, a regime obbligo iscrizione a registro speciale OAM

A regime, inoltre, gli operatori del settore delle criptovalute saranno chiamati ad iscriversi in uno speciale registro al fine di poter esercitare l’attività in Italia. Si tratta, nello specifico, di un registro speciale che sarà tenuto dall’OAM, ovverosia dall’Organismo degli Agenti e dei Mediatori.

Con il provvedimento in consultazione pubblica, tra l’altro, il Tesoro punta a chiarire sulle valute virtuali alcuni aspetti molto importanti che spesso chi negozia le criptomonete non conosce o comunque trascura. Uno di questi aspetti è rappresentato dal fatto che la criptomoneta ‘non è emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica’. Inoltre, la valuta virtuale ‘non è necessariamente collegata a una valuta avente corso legale’.

Nell’ambito delle direttive Ue antiriciclaccio, inoltre, l’Organismo degli Agenti e dei Mediatori, oltre al registro speciale dei prestatori di servizi relativi alle valute virtuali, sarà incaricato pure di tenere un altro nuovo registro rappresentato da quello dei compro-oro. Anche in questo caso a darne notizia è stato il Dipartimento del Tesoro del MEF, il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here