Home Notizie 3 Maggiori rischi dell’attuale crollo del Bitcoin

3 Maggiori rischi dell’attuale crollo del Bitcoin

0
CONDIVIDI

Pubblicato: 11 Maggio, 2022 di Giulia M.

Il crollo del Bitcoin (BTC) a quasi 30.000 dollari, addirittura ai minimi dell’estate del 2021, sta facendo molto preoccupare. Gli investitori dovrebbero però imparare ad apprezzare le potenziali cause di fallimento a lungo termine delle criptovalute più note.

Dal picco di quasi 3.000 miliardi di dollari raggiunto nel Novembre 2021, il mercato delle criptovalute ha perso circa il 50% del suo valore. E il Bitcoin, l’asset digitale di maggior valore al mondo, con un market cap di circa 600 miliardi di dollari, ha seguito questa tendenza. Nel 2022 è sceso del 28%!

Il piano della Federal Reserve di aumentare i tassi di interesse nel corso dell’anno per frenare l’impennata dell’inflazione sta portando gli investitori ad allontanarsi dagli asset più rischiosi, categoria in cui rientrano le criptovalute.

Per quanto riguarda il Bitcoin, gli investitori non dovrebbero però allarmarsi dell’attuale andamento dei prezzi ma vedere la cosa in un’ottica di lungo periodo. Tuttavia, ci sono 3 rischi chiave legati al Bitcoin a cui occorre prestare attenzione.

La minaccia della regolamentazione

Non sorprende che il rischio maggiore per il Bitcoin e le criptovalute in generale sia la minaccia di una regolamentazione più severa. Nel 2021 la Cina, la seconda economia mondiale, ha reso di fatto illegale per i cittadini negoziare le criptovalute. Il governo indiano, un Paese di 1,4 miliardi di persone, ha imposto una tassa del 30% sulle transazioni di criptovalute nel tentativo di contenere il mercato.

I governi, che hanno il potere di dirigere l’offerta monetaria e di tassare i propri cittadini, non vogliono rinunciare al controllo, cosa che il Bitcoin mette in pericolo. Tuttavia, le nazioni che vietano le criptovalute possono rimanere indietro in termini di innovazione e attrazione di investimenti e talenti. Per esempio, gli Stati Uniti ed altri Paesi in via di sviluppo restano all’avanguardia nel settore delle criptovalute.

Problemi di scalabilità

La rete Bitcoin utilizza un meccanismo di proof-of-work per convalidare le transazioni. Ciò significa che vengono utilizzati computer costosi e ad alta intensità energetica per risolvere complessi problemi matematici per aggiungere nuovi blocchi alla blockchain di Bitcoin. Si tratta di un processo lento: una transazione tipica richiede quasi 10 minuti per essere elaborata. E Bitcoin può gestire solo tre transazioni al secondo (TPS).

Facendo un confronto con Visa, che gestisce la più grande rete di pagamenti al mondo, essa ha la capacità di elaborare 65.000 TPS, un livello che supporta chiaramente la sua utilità nella vita quotidiana delle persone. Affinché il Bitcoin possa avere una possibilità di utilizzo nei casi più comuni, il suo throughput deve crescere in modo significativo.

La rete Lightning è la soluzione che mira a risolvere questo problema. Posta in cima alla rete Bitcoin, è una blockchain di secondo livello che crea una connessione diretta tra due utenti distinti per facilitare transazioni veloci ed economiche.

La volatilità rimane alta

Molti considerano la volatilità e il crollo Bitcoin più un rischio che un’opportunità. Le costanti fluttuazioni del prezzo del Bitcoin terranno molti privati ed istituzioni ai margini quando si tratterà di acquistare il Bitcoin come riserva di valore, che oggi è il suo principale caso d’uso.

L’argomentazione più popolare a favore del Bitcoin è che alla fine il suo valore sarà pari a quello dell’oro come riserva di valore. Si stima che il valore di tutto l’oro estratto sulla Terra sia pari a circa 12.000 miliardi di dollari, quindi se questa situazione dovesse diventare realtà, il Bitcoin avrebbe un’incredibile possibilità di rivalutazione dei prezzi. Inoltre, le proprietà chiave del Bitcoin – divisibilità, assoluta finitezza e transabilità – lo rendono superiore all’oro fisico.

Tuttavia, poiché il Bitcoin è estremamente volatile, gli investitori potrebbero non avere il coraggio di possederlo.

Crollo Bitcoin: comprare adesso?

La comprensione di questi importanti rischi dovrebbe aiutarvi a capire se l’acquisto di Bitcoin è un buon investimento o meno. Se avete deciso che comprare Bitcoin è una scelta giusta potete acquistarlo in maniera molto semplice sul broker eToro. Dovrete solo:

  1. Registrarvi gratuitamente. – Clicca qui per iscriverti subito a eToro
  2. Scegliere se utilizzare la piattaforma eToro o l’Exchange eToro X.
  3. Depositare l’importo minimo di $50.
  4. Cercare Bitcoin nella barra di ricerca del broker.
  5. Scegliere quanto investirci (potete investire anche meno del valore unitario di 1 BTC).
  6. Cliccare su “Compra”.
  7. Convalidare l’operazione.
Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

     

     

     

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here