Home Economia Record per il lavoro a termine

Record per il lavoro a termine

0
CONDIVIDI

Aumenta il precariato. Vero che i dati indicano una ripresa nel nostro Paese e di questo possiamo solo rallegrarci ma in Italia il lavoro a termina ha toccato nuovi record. Certamente, si può dire, è meglio un lavoro a termine che restare disoccupati, anche su questo non si può non essere d’accordo ma il dubbio che rimane è relativo alla stabilità della ripresa.

Siamo ottimisti e riteniamo, almeno speriamo, che la maggior parte dei lavoratori che hanno trovato lavoro con un contratto a termine vengano confermati a tempo indeterminato ma intanto certezze non ve ne sono. Intanto il loro numero ha raggiunto un nuovo record: sono al momento 2,8 milioni i contratti a termine in essere.

L’incertezza del lavoro

Non è facile al momento parlare di posti di lavoro in incremento, un contrasto di alcuni mesi non può essere considerato pienamente un posto di lavoro in più e questo è denunciato anche dai sindacati che attenuano l’entusiasmo del Governo su questo tema. I contratti a termine rappresentano comunque una forma di precariato e i sindacati lamentano che le azioni del Governo hanno prodotto un incremento esponenziale della precarietà del lavoro; i lavoratori con contratto a termine non hanno affatto certezze nel futuro, non possono accedere a finanziamenti, prestiti, mutui per l’acquisto della casa, non spendono con il pensiero che probabilmente dopo alcuni mesi possono tornare nelle file dei disoccupati, quindi anche l’Economia nazionale ne beneficia poco.

Cosa sarà nel 2018

Nessuno ha in mano la sfera di cristallo, nessuno al momento può dire compiutamente cosa accadrà nel 2018, quanti lavoratori si vedranno confermare al lavoro, quanti no. Speriamo certamente che tendenzialmente tutti siano confermati, per il bene delle famiglie italiane e anche per quello del nostro Paese ma le incertezze restano. Non ci rimane che attendere gli avvenimenti del nuovo anno che è ormai in arrivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here