Home Investimenti Comprare azioni Ferrari (RACE): conviene? | Guida al trading

Comprare azioni Ferrari (RACE): conviene? | Guida al trading [2021]

0
CONDIVIDI

Pubblicato: Aprile 28th, 2021 di roberto

Comprare azioni Ferrari e diventare socio di uno dei fiori all’occhiello dei motori italiani può essere una ghiotta prospettiva.

Ma come si comprano le azioni Ferrari? Conviene investire nel 2021?

Nel corso del nostro articolo vedremo come investire nelle azioni Ferrari, su quali piattaforme di trading investire e se conviene farlo o meno.

Prima di procedere, però, ti consigliamo fin da subito di dare uno sguardo alle migliori piattaforme di trading online qui in tabella, tutte sicure e regolamentate dall’UE:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Gruppo Whatsapp
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Ti servirà infatti per seguire meglio gli spunti che vogliamo condividere di seguito, e per poter applicare, con il conto demo gratuito, i suggerimenti che abbiamo elaborato.

    eToro ad esempio consente sia di esercitarsi con la Demo gratuita sia di copiare in modo automatico le mosse dei migliori investitori.

    Azioni Ferrari Prezzo e Quotazione

    Ecco il prezzo e la quotazione in tempo reale delle azioni Ferrari (NYSE:RACE):

    Come comprare azioni Ferrari

    Puoi investire in Ferrari o comprando direttamente le azioni o investendo in CFD, contratti per differenza.

    I CFD sono strumenti che replicano l’andamento del titolo ma senza possederlo materialmente, rispetto all’acquisto diretto sono più economici e flessibili.

    Con i CFD inoltre potrete speculare anche al ribasso ovvero potrete guadagnare se prevedete un calo di prezzo ed esso avviene.

    Vediamo ora dove comprare CFD del titolo Ferrari!

    Dove comprare azioni Ferrari: eToro

    Tutte le piattaforme di trading che vi abbiamo mostrato in tabella sono ottime ma quella che vogliamo descrivervi nel dettaglio è eToro.

    Segui i seguenti step:

    • Clicca qui per registrarti gratis ad eToro;
    • Completa la registrazione cliccando sul link che hai ricevuto via email;
    • Vai nella sezione Mercati e cerca “Ferrari” / “RACE”;
    • Clicca sul CFD del titolo e scegli il capitale da impiegare;
    • Conferma l’operazione!

    A questo punto eToro aprirà immediatamente la posizione nel tuo portafoglio. Potrai gestirla in qualsiasi momento, anche prima che siano eventualmente toccati i punti di perdita o di profitto.

    Su eToro puoi anche fare Copy Trading ovvero copiare in modo automatico le mosse dei migliori investitori con un solo click!

    Clicca qui per accedere al copy trading di eToro

    Se poi non ti senti sufficientemente sicuro, e preferisci esercitarti un po’ prima di lavorare con il tuo capitale reale, ti ricordiamo che puoi anche esercitarti con la demo gratuita.

    Si tratta di un rapporto in tutto e per tutto uguale a quello reale, con la differenza che opererai non con i tuoi fondi propri, ma con un plafond di denaro virtuale messo a disposizione dal broker.

    Clicca qui per scaricare la Demo gratuita di eToro

    Comprare azioni Ferrari conviene?

    Se vuoi investire in Ferrari conviene comprare azioni ma… con la giusta attenzione e consapevolezza!

    Come ogni asset che puoi negoziare sulla piattaforma di trading eToro, devi infatti compiere un’approfondita analisi dell’oggetto del tuo trade.

    Per esempio, la Ferrari, a differenza della sua concorrente Porsche, ha un problema di vendita di auto in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo.

    Solo l’8% delle 9.251 Ferrari consegnate in tutto il mondo nel 2018 è andato verso la Cina. Invece, il mercato più grande per la Ferrari è l’Europa, dove viene consegnato il 45,7% delle auto. Il continente americano ha invece rappresentato il 32,4% delle vendite Ferrari.

    Comunque sì, comprare azioni Ferrari conviene! Il titolo è in fortissima ascesa.

    Previsioni

    Nonostante il Covid-19, la contrazione dei consumi e la riduzione della mobilità, le prospettive future della società sono ottime.

    Reitman, che ha un rating neutrale sul titolo Ferrari e un obiettivo di prezzo a 12 mesi di 141 dollari, si è detto fiducioso che il recente management possa porre l’accento su modelli di fascia alta come l’ibrida plug-in SF90 Stradale a motore centrale, a un prezzo di circa 400.000 euro allontanandosi almeno in parte dalla vendita di veicoli di fascia un po’ più bassa.

    La Portofino è la Ferrari più venduta oggi in termini di volume – rammentava la società di analisi. La SF90 è una chiara indicazione per allontanare il marchio dal cercare di reclutare compratori entry-level, un settore in cui c’è molta concorrenza.

    Il nuovo management ha adottato un approccio più intelligente per realizzare il potenziale del business – ha poi aggiunto.

    Inoltre, non tutte le Ferrari, nonostante il logo del Cavallino Rampante, sono apprezzatori di prezzo a lungo termine, ha sottolineato Reitman.

    Alcune Ferrari degli anni Novanta possono essere acquistate ora a meno del prezzo di vendita e per quanto riguarda le auto in edizione limitata come la SP1 e la SP2 di Monza, di cui ne verranno prodotte solo 499, Reitman ha ricordato i proprietari di Ferrari di vecchia data non vedono l’ora di acquistarle.

    John Murphy, analista della Bank of America Merrill Lynch, è rialzista sulle azioni Ferrari con un buy rating.

    Ha affermato che le vetture della serie Icona (la Monza SP1 e SP2), così come gli altri 15 modelli completamente nuovi o ridisegnati che la Ferrari ha annunciato come parte del suo business plan 2018 – 2022, contribuiranno ad ampliare la linea di prodotti e ad aumentare i ricavi.

    Tutte le auto che Ferrari produce – quelle di massa e le edizioni limitate – sono molto importanti per l’azienda – ha poi dichiarato, precisando che la Ferrari è molto legata alla sua clientela, il management ascolta i suoi clienti e costruisce quello che vogliono.

    Murphy ha quindi applaudito la Ferrari per aver ritardato l’uscita del suo prossimo Purosangue, un veicolo simile a un crossover che sarà presentato nel 2022.

    L’azienda, sotto la direzione di Camilleri, ha scelto di concentrarsi su vetture e design Ferrari più classici, con una strategia che andrà a beneficio dell’azienda nei prossimi anni. A differenza dei concorrenti che hanno “affrettato” le loro vetture sport-utility, la Purosangue sarà una piccola parte del portafoglio prodotti.

    Insomma, per gli analisti il titolo continuerà a galoppare abbastanza bene nel lungo periodo.

    Leggi anche: Migliori azioni da comprare, ecco come trovarle da solo!

    Competitors

    I principali competitors di Ferrari da tenere d’occhio sono i seguenti:

    • Lamborghini
    • Audi
    • Maserati
    • Tesla
    • Aston Martin Lagonda
    • Mercedes-Benz
    • Honda
    • Ford Motor
    • McLaren Technology Group
    • Bugatti
    • Porsche Automobil Holding

    Utili

    La Ferrari ha ottenuto 609 milioni di utili nel 2020, più delle attese nonostante la pandemia Covid-19 ed il conseguente calo dei consumi e della mobilità.

    Dividendi

    Ferrari ha reso noto l’ammontare e la data di stacco del dividendo del 2021, relativo all’esercizio 2020. Il dividendo sarà quindi di 0,867 euro per azione.

    IPO

    Nel 2015, l’IPO della Ferrari alla Borsa di New York ha valutato l’azienda in quasi 10 miliardi di dollari.

    Ora, la capitalizzazione di mercato dell’azienda è salita a oltre 30 miliardi di dollari, permettendo alla casa automobilistica di diventare uno dei brand più preziosi e più riconoscibili al mondo.

    Ad ogni modo, la Ferrari non è sempre stata il marchio di lusso globale che ora viene negoziata nei mercati finanziari.

    I primi tempi dell’azienda come costruttore di auto da corsa erano piuttosto modesti, e ci volle una stella delle corse italo – americana come Luigi Chinetti per favorire la trasformazione in un fornitore di super auto glamour per i patrimoni più facoltosi.

    Il successo dell’azienda ha suscitato l’interesse e la successiva rivalità della Ford, prima che la Ferrari entrasse a far parte della FIAT.

    Per molti anni, la Ferrari ha limitato fortemente i suoi dati di produzione annuale per preservare l’esclusività delle sue auto. Tuttavia, dopo l’IPO nell’autunno del 2015, l’azienda ha costantemente aumentato il numero di auto che consegna ai clienti, al fine di soddisfare una domanda sempre crescente.

    Tuttavia, sebbene la Ferrari riesca oggi a vendere oltre 10.000 vetture l’anno, si tratta pur sempre di auto estremamente rare. Infatti, la maggior parte dei modelli dell’azienda sono limitati nella fornitura in quanto il numero che vende è limitato non da quante persone vogliono comprare un’auto, ma da quante ne può produrre.

    Approfondimento: Ferrari Storia

    La Ferrari è uno dei marchi più preziosi al mondo. Noto produttore italiano di auto di lusso e di Formula Uno, ha un valore di almeno 30 miliardi di dollari e, a differenza di molti dei suoi rivali, la Ferrari è prima di tutto una società di auto da competizione, e – dopo – un’azienda automobilistica per la propria nicchia.

    Di fatti, la storia di Ferrari inizia proprio come una squadra di corse, tanto che la vendita degli altri modelli è servito inizialmente a finanziare le sue operazioni motoristiche.

    Le cose sono evidentemente cambiate nel corso degli anni. Di seguito abbiamo voluto riassumere alcune delle pietre miliari nell’evoluzione di Ferrari:

    • 1929: Enzo Ferrari lancia la Scuderia Ferrari o “Team Ferrari”. Non esiste ancora un’azienda automobilistica – la Scuderia era costituita da un gruppo di piloti che correvano con le auto di loro proprietà. La squadra corre prevalentemente con vetture Alfa Romeo.
    • 1933: la Scuderia Ferrari diventa essenzialmente la divisione corse dell’Alfa.
    • 1937: Enzo Ferrari chiude la Scuderia Ferrari e diventa il capo dell’Alfa Romeo, l’Alfa Corse. Appena una settimana dopo aver lasciato l’Alfa Corse nel 1939, Enzo avvia l’Auto Avio Costruzioni. L’AAC 815 è la prima auto che la Ferrari costruisce da sola, anche se viene proibito di portare il nome Ferrari a causa di un accordo di non concorrenza tra Enzo e i suoi precedenti datori di lavoro. L’accordo vieta alla Ferrari di usare il suo nome in relazione alle gare o alle auto da corsa per almeno quattro anni.
    • 1947: la Ferrari lancia la 125. E poiché l’accordo di non concorrenza con l’Alfa era scaduto, è questa la prima vettura a portare il nome Ferrari.
    • 1969: Enzo si rende conto che l’azienda ha bisogno di risorse aggiuntive non solo per avere successo, ma anche per sopravvivere finanziariamente. Proprio quell’anno Ferrari vende il 50% del business all’azienda che una volta si rifiutò di dargli un lavoro, la Fiat.
    • 1988: Enzo Ferrari muore. Luca Cordero di Montezemolo assume la carica di Presidente. Sotto la sua guida, la Ferrari si trasforma in un marchio di lusso globale. Oggi, l’azienda vende le sue supercar per centinaia di migliaia di dollari.
    • 2015: con la sua IPO, la Ferrari completa la sua trasformazione in marchio multimiliardario globale. Si noti che, fedele alle sue radici, la Ferrari negozia alla Borsa di New York sotto il ticker RACE.

    Conclusioni

    Nel corso dell’articolo abbiamo visto come comprare le azioni di questa incredibile azienda italiana.

    Potete comprare le azioni Ferrari sulle migliori piattaforme di trading online come eToro. Noi vi abbiamo consigliato di farlo tramite i CFD, strumenti più economici e flessibili dell’acquisto diretto in azioni.

    Il titolo Ferrari è in fortissima ascesa dal 2015 e la società è molto solida.

    Speriamo davvero che il nostro articolo vi sia stato utile!

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 200€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

     

    Comprare azioni Ferrari conviene?

    Sì è un ottimo investimento, maggiori info nell’articolo.

    Dove comprare azioni Ferrari?

    È possibile negoziare le azioni Ferrari tramite i CFD sulle piattaforme di trading online come eToro. I CFD sono un’alternativa più economica e flessibile all’acquisto diretto di azioni.

    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here