Home Investimenti Migliori azioni da comprare: ecco come trovarle da solo!

Migliori azioni da comprare: ecco come trovarle da solo!

0
CONDIVIDI

Comprare azioni? Non è affatto difficile. Tutto quello che ti serve è un buon conto di trading – come quello che puoi trovare qui su eToro (sito ufficiale) – e un po’ di soldi da dedicare a tale attività di trading.

Semmai, ciò che è realmente difficile è trovare le migliori azioni da comprare, ovvero scegliere le aziende che riescono a battere costantemente il mercato azionario.

Trovare le migliori azioni da comprare è qualcosa che la maggior parte delle persone non riesce o non può fare, ed è per questo che i consigli sulle azioni su cui fare trading sono sempre più ricercati.

Tuttavia, noi vogliamo andare un po’ oltre. Vogliamo condividere con te alcune strategie che ti permetteranno di disporre di valide regole e ottime strategie per poter investire in autonomia e in piena consapevolezza nel mercato azionario.

Prima di iniziare, però, permettici subito un piccolo consiglio: ti suggeriamo di investire non più del 10% del tuo portafoglio in singole azioni. Il resto dovrebbe essere destinato in un mix diversificato di fondi comuni d’investimento a basso costo. Non dovresti inoltre investire in azioni il denaro di cui potresti avere bisogno nei prossimi cinque anni.

Detto ciò, entriamo subito nel vivo del nostro approfondimento sulle migliori azioni da comprare e… cerchiamo di trovarle insieme!

Gestire le emozioni

La primissima cosa che vogliamo ispirarti è quella di gestire correttamente le emozioni. Ricorda infatti che il successo negli investimenti non è correlato al quoziente intellettivo di una persona, ma al suo temperamento, utile per poter controllare gli impulsi che potrebbero creare guai nell’investire.

È insomma bene che sia la tua testa, non il tuo coraggio, a guidare le tue decisioni di investimento. Di contro, l’iperattività del trading scatenata dalle emozioni è uno dei modi più comuni che gli investitori hanno a disposizione per poter danneggiare i rendimenti del tuo portafoglio.

Naturalmente, sappiamo molto bene che imparare a gestire le emozioni è una cosa molto complessa.

migliori azioni da comprare

Purtroppo per te, infatti, non c’è alcun conto demo che possa insegnarti a gestire l’avidità o la paura! Nel conto demo, infatti, andrai a investire del denaro che non è – evidentemente – il tuo. E solamente quando inizierai a rischiare il tuo capitale inizierai altresì a fare i conti con la gestione dell’emotività.

Naturalmente, questo non significa affatto che l’uso di un conto demo non sia utile per i tuoi fini di crescita professionale e formativa. Anzi, è lecito ricordare ancora una volta quanto il conto dimostrativo sia uno strumento fondamentale per il tuo apprendimento e la finalizzazione della tua strategia. Puoi aprirne uno qui su eToro, o uno qui su ForexTB, due broker tra i migliori attualmente sulla piazza.

Una volta che ti sentirai sufficientemente a tuo agio con la piattaforma di trading che hai scelto di utilizzare per i tuoi investimenti, potrai finalmente metterti alla prova con il tuo capitale reale.

Inizia con particolare gradualità, ricordando che il passaggio dal trading virtuale a quello reale può essere “traumatico”. Dunque, investi attenendoti sempre alla tua strategia, il miglior modo per poterti mettere al riparo dai rischi di essere travolto dalle emozioni!

Sceglie le società, non le azioni

È facile dimenticare che dietro i simboli delle azioni che puoi negoziare in una piattaforma di trading c’è una società con un vero e proprio business.

Ora, non lasciare che il trading di azioni diventi un concetto astratto. Ricorda invece che l’acquisto di una quota delle azioni di una società ti rende in parte proprietario di quella società.

È evidente che ti imbatterai in una notevole quantità di informazioni mentre esamini i potenziali partner di trading. Ma è più facile trovare le informazioni giuste e più appetibili solo quando indossi il tuo abito da acquirente di business, piuttosto che di trader speculativo su azioni.

Insomma, non lasciarti attrarre da pochi dati sulle azioni della società che potresti acquistare, ma vai a fondo, se vuoi individuare le migliori azioni da comprare, e valuta come opera questa azienda, il suo posizionamento nell’intero settore, i suoi concorrenti, le sue prospettive a lungo termine e se porta qualcosa di nuovo al tuo portafoglio.

Pianifica e attieniti ai piani

Tutti gli investitori sono talvolta tentati di cambiare la propria strategia di gestione dei propri titoli. Tuttavia, prendere decisioni a caldo, sulla scia delle emotività avvertite in un particolare momento, può portare al classico flop dell’investimento: comprare alto e vendere basso.

Ebbene, è qui che dovresti tenere duro, continuando ad attenerti al piano che hai originariamente creato. Un piano pur versatile (potrai revisionarlo periodicamente), ma che non dovrebbe essere cestinato solamente perché qualche giorno le prestazioni non si attengono a quanto auspicato e previsto.

Per poter “tenere duro” al meglio, prova a rinvigorire la tua fiducia nel piano di battaglia che hai creato.

Prova ad esempio a scrivere ciò che rende ogni azione del tuo portafoglio degna di essere mantenuta all’interno dello stesso rapporto, e individua di contro le circostanze che giustificherebbero una rottura del “rapporto” con la società sulla quale hai investito.

In questo modo contribuirai a rendere un po’ più chiara e oggettiva la relazione che stai costruendo con l’oggetto del tuo investimento, evitando che le decisioni sull’acquisto o sul disinvestimento siano assunte sulla base di euforie o drammi momentanei.

Per esempio, puoi chiederti “perché sto comprando questa azione”?

Scrivi cosa trovi attraente dell’azienda e l’opportunità che vedi per il futuro in essa. Quali sono le tue aspettative? Quali sono le metriche più importanti e quali sono le pietre miliari che utilizzerai per giudicare i progressi dell’azienda? Cataloga quindi le potenziali trappole e segna quali sarebbero le trappole che cambierebbero le carte in tavola, tanto da farti allontanare in maniera definitiva dall’impiego in quella determinata società.

Un’altra domanda che dovresti porti è: cosa mi porterebbe a vendere quell’azione? A volte ci sono buone ragioni per abbandonare un investimento e, dunque, dovresti cercare di stringere una sorta di “accordo” con l’investimento che stai pianificando.

Indica in maniera chiara che cosa ti spingerebbe a vendere le azioni o l’asset finanziario che hai scelto di introdurre all’interno del tuo portafoglio. Cerca di non limitarti a indicare solo un movimento del prezzo che potrebbe spingerti a farlo, soprattutto non a breve termine, ma concentrati soprattutto sui cambiamenti fondamentali del business che, secondo te, influiscono sulla sua capacità di crescere nel lungo termine.

migliori azioni da comprare

Alcuni esempi di elementi che potrebbero portarti a modificare il tuo orientamento nei confronti dell’investimento finanziario che stai pianificando potrebbero ad esempio essere che l’azienda sta perdendo un cliente importante, oppure che il successore del vecchio CEO sta iniziando a gestire l’azienda in una maniera molto diversa dal precedente. Ancora, potresti volerti allontanare dal tuo investimento societario perché magari sta emergendo un concorrente importante e molto valido, oppure perché la tua tesi di investimento non si è rivelata corretta dopo un periodo di tempo ragionevole.

Per far ciò ti puoi naturalmente aiutare con i migliori strumenti che il web ti offre. Per esempio, eToro (sito ufficiale) ti propone l’accesso gratuito a una social community ricchissima di investitori che non vedono l’ora di condividere con te le proprie riflessioni sull’evoluzione degli investimenti finanziari.

È certamente la giusta occasione per poter acquisire ulteriori conoscenze e, dunque, arrivare a prendere delle decisioni di investimento in modo ancora più consapevole.

Puoi provare qui, gratis, il social trading e il copytrading di eToro!

Costruisci gradualmente le tue posizioni

Il tempo è la principale forza di un investitore. Gli investitori di maggior successo acquistano le azioni perché si aspettano di essere ricompensati – attraverso l’apprezzamento del prezzo delle stesse, i dividendi, ecc. – in un arco di tempo ragionevole.

Ciò significa, in altri termini, che anche tu potresti prenderti il “tuo” tempo per fare investimenti e attendere la monetizzazione dei tuoi sforzi.

Ma come puoi fare? Ecco tre semplici strategie di acquisto che riducono la tua esposizione alla volatilità dei prezzi:

  • investi a cadenze regolari: sembra complicato, ma non lo è. Prova a investire una determinata quantità di denaro a intervalli regolari, ad esempio una volta alla settimana o al mese. Questo importo fisso ti permetterà di acquistare più azioni quando il prezzo delle stesse scende e meno azioni quando sale, ma nel complesso riuscirai a compensare i vari orientamenti del mercato con un prezzo medio che potrebbe contenere il rischio di perdite e incrementare le opportunità di profitto. Alcuni broker online ti permettono di impostare un programma di investimento automatizzato. In caso contrario puoi tenere un tuo scadenziario personale per ricordarti di farlo;
  • acquista in terzi: come la strategia di cui sopra, anche quella dell’acquisto in terzi ti aiuta ad evitare l’esperienza traumatica di essere entrato nella posizione nel momento più sbagliato possibile! Seguire questa strategia è estremamente semplice: basta dividere l’importo che vuoi investire per tre e poi, come suggerisce il nome, scegliete tre momenti separati per l’acquisto di azioni. Questi momenti possono essere a intervalli regolari (ad esempio, un ingresso mensile o trimestrale) o in base ai risultati o agli eventi aziendali. Ad esempio, puoi scegliere di acquistare azioni prima che un prodotto venga rilasciato sul mercato, e magari mettere in gioco il terzo successivo del tuo denaro se si tratta di un successo, o dirottare il denaro rimanente altrove se non lo è stato;
  • acquista un paniere di azioni: non riesci proprio a decidere quale delle aziende di un determinato settore sarà la vincitrice a lungo termine? Allora comprale tutte! L’acquisto di un paniere di azioni toglie la pressione di scegliere “quella giusta”. Avere una quota di partecipazione in tutti gli operatori del settore significa che riuscirai a non perdere se una delle azioni non decolla, e che puoi usare i guadagni del “vincitore” per compensare eventuali perdite. Questa strategia ti aiuterà anche a identificare quale società sia “quella giusta” in modo da poter raddoppiare la tua posizione, se lo desideri.

Evita l’iperattività del trader

Controlla sempre tutti i titoli su cui hai investito, ogni volta che ne hai la possibilità. Questo non significa, però, essere costretti a passare le tue giornate davanti al monitor! Per esempio, se hai una strategia di lungo termine, è sufficiente monitorare l’evoluzione dei titoli una volta al trimestre – ad esempio quando vengono pubblicate le trimestrali.

Certo, siamo consapevoli che sia difficile resistere alla tentazione di non tenere costantemente d’occhio il quadro di valutazione complessivo. Questo potrebbe però portarti a reagire in modo eccessivo agli eventi a breve termine, concentrandosi sul prezzo delle azioni invece che sul valore dell’azienda, e sentendo la necessità di fare qualcosa quando… non è giustificata alcuna attività!

Quando uno dei tuoi titoli subisce un brusco movimento di prezzo, ti consigliamo di limitarti a scoprire che cosa ha scatenato quel determinato evento. La tua azione è vittima di un danno collaterale del mercato che reagisce a un evento non correlato? È cambiato qualcosa nell’attività sottostante dell’azienda? Si tratta di qualcosa che influisce significativamente sulle tue prospettive a lungo termine?

migliori azioni da comprare

Ricorda che raramente il rumore a breve termine (titoli altisonanti, fluttuazioni temporanee dei prezzi) è rilevante per come una società che è stata ben selezionata, per quanto concerne il suo trend di lungo termine. È il modo in cui gli investitori reagiscono al rumore che conta davvero: cerca di far prevalere la tua voce più razionale, evitando di cedere alla tentazione di prestare il fianco alle turbolenze emotive.

Speriamo che i suggerimenti che sopra abbiamo avuto modo di condividere con te possano esserti utili per poter pianificare meglio il tuo trade.

Per il momento, non possiamo che invitarti a dirci che cosa ne pensi usando lo spazio che trovi tra i commenti e, naturalmente, mettere alla prova gli spunti che abbiamo voluto riportare utilizzando un conto demo, prima di iniziare a fare trading con il tuo capitale reale.

I migliori attualmente a disposizione sono sicuramente quelli di eToro (lo trovi qui) e di ForexTB (lo trovi qui).

Facci sapere come ti sei trovato, e quale dei due broker ritieni che possa maggiormente fare al caso tuo!

Il nostro punteggio
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here