Home Notizie Azioni da vendere: ecco un popolare titolo tech da evitare!

Azioni da vendere: ecco un popolare titolo tech da evitare!

0
CONDIVIDI

Pubblicato: 9 Giugno, 2021 di Giulia M.

Azioni da vendere: Intel sta perdendo quote di mercato e le cose potrebbero peggiorare per il noto produttore di chip.

Intel (NASDAQ:INTC) è il produttore leader nella produzione di unità di elaborazione centrale (CPU) per computer portatili, desktop e server. Dopo aver lanciato il primo microprocessore al mondo nel 1971, Intel è salito alla ribalta negli anni 1980 e la sua “architettura x86″ è diventata lo standard del settore.

Tuttavia, negli ultimi cinque anni Intel ha avuto problemi di produzione senza precedenti. Allo stesso tempo, le azioni Intel hanno significativamente sottoperformato l’indice S&P 500, e le cose potrebbero peggiorare nel prossimo decennio.

Ecco cosa dovrebbero considerare gli investitori!

Azioni da vendere: le azioni Intel

Analizziamo insieme le motivazioni dietro questa affermazione. Perché vendere o evitare le azioni Intel?

Problemi di personal computing

Nel 1965, lo scienziato informatico Gordon Moore disse ad Electronic Magazine che il numero di componenti su un chip sarebbe raddoppiato di anno in anno. Questo assunto divenne noto come legge di Moore, ed ora si afferma addirittura che il numero di componenti per chip raddoppierà ogni due anni e che il costo dei computer sarà ridotto della metà.

Per decenni Intel ha mantenuto questa cadenza, rilasciando chip più piccoli e più potenti ogni due anni. Il problema è iniziato nel 2012. I problemi di produzione hanno causato diversi ritardi, ed Intel non ha rilasciato un processore mobile a 10 nm fino al 2019, quattro anni più tardi di quanto originariamente previsto.

Nel frattempo, Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) ha iniziato a spedire chip da 10 nm nel 2017 e chip da 7 nm nel 2019. Ciò ha permesso al suo partner AMD (NASDAQ:AMD) di lanciare processori mobili a 7 nm nel 2020. Di conseguenza, Intel ha perso quote di mercato.

Nonostante il rilascio di chip da 10 nm nel 2019, Intel non è riuscita finora a fornire un chip desktop da 10 nm. AMD ha portato un processore desktop a 7 nm sul mercato nel 2019. Anche in questo caso, Intel ha perso quote di mercato.

Nel 2020, Apple ha deciso di allontanarsi dalle CPU x86 di Intel, optando invece per la progettazione di processori M1 basati su ARM per Mac. In particolare, i chip M1 di Apple sono realizzati da TSMC, ora utilizzando un processo a 5nm, ed offrono prestazioni 3,5 volte migliori e il doppio della durata della batteria dei precedenti Mac basati su Intel.

Questo sviluppo è significativo per due motivi: in primo luogo, Intel sta perdendo un grande cliente come Apple. In secondo luogo, uno su tre sviluppatori utilizzano Mac, il che significa che Intel probabilmente perderà una parte considerevole della sua base di sviluppatori.

Problemi del data center

Nel 2021, dopo aver sostituito il CEO Bob Swan con Pat Gelsinger, Intel finalmente ha consegnato un server 10nm CPU. AMD ha lanciato una CPU server a 7 nm nel 2019. Ancora una volta, Intel ha perso quote di mercato.

Ma i problemi di Intel sono tutt’altro che finiti. Nel 2018 Amazon ha iniziato a progettare i propri processori Graviton basati su ARM per i suoi data center. Questi chip personalizzati offrono fino al 40% di migliori prestazioni di prezzo rispetto alle istanze di calcolo alimentate da chip x86. Anche qui Intel sta perdendo un grande cliente e quote di mercato.

Problemi più grandi all’orizzonte

Per riassumere, Intel sta perdendo terreno su due fronti: AMD sta guadagnando quote di mercato, e le grandi aziende tecnologiche si stanno spostando verso la tecnologia ARM. Attualmente, AMD è probabilmente il problema più grande, ma le CPU ARM stanno diventando sempre più economiche e più potenti, il che potrebbe renderle la più grande minaccia a lungo termine.

Infatti, secondo Ark Invest di Cathie Wood, il 99,9% degli sviluppatori attualmente costruisce software per sistemi x86. Ma quella cifra potrebbe scendere al 18% entro il 2030 come il restante 82% passare a sistemi basati su ARM.

Inoltre, mentre i chip x86 controllano attualmente il 92% del mercato dei data center, Ark ritiene che la cifra scenderà al 27% entro il 2030. In altre parole, le perdite di quote di mercato di Intel potrebbero accelerare nel prossimo decennio.

Tutte queste prove portano ad una conclusione: evitate queste azioni o vendetele!

Questo non significa che il prezzo delle azioni di Intel sta per crollare domani; l’azienda può sovraperformare il mercato per diversi anni a venire, nessuno conosce il futuro. Ma date le tendenze, penso che ci siano posti migliori in cui investire i vostri soldi.

Azioni da vendere: quali sono le alternative?

Un’ottima alternativa alle azioni Intel sono le azioni AMD (NASDAQ: AMD).

Potete comprare queste azioni sul broker eToro, dovrete solo:

  1. Registrarvi gratuitamente alla piattaforma: Clicca qui per registrarti gratis ad eToro
  2. Fare pratica con la Demo gratuita
  3. Depositare l’importo minimo di $200 (circa 164 euro) tramite carta di credito/debito o bonifico
  4. Cercare le azioni AMD nella barra di ricerca
  5. Cliccare su “Investi
  6. Scegliere quanto investire e cliccare su “Compra” senza attivare la LEVA (così facendo investirete nelle azioni vere e proprie e non nei CFD, di conseguenza riceverete anche i dividendi)
Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Il nostro punteggio
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here