Home Criptovalute Trust Investing: guadagni facili o truffa?

Trust Investing: guadagni facili o truffa?

0
CONDIVIDI

In questa situazione particolare che tutto il mondo sta vivendo, è normale provare ansia e preoccupazione anche per la nostra situazione finanziaria. Accade spesso, dunque, che ci si rivolga ai social network alla ricerca di nuove opportunità per generare reddito comodamente da casa. In questa determinata circostanza potresti aver sentito parlare di Trust Investing.

Per questo è bene ricordare sempre che prima di fare qualsiasi investimento, bisogna controllare di farlo nel posto giusto, dove i tuoi soldi o qualsiasi altro bene siano realmente assicurati e diano profitti.

È molto meglio usare un broker regolamentato e sicuro come eToro

In questo articolo analizzeremo punto per punto questo apparente broker non regolamentato e senza licenza il quale ci fa pensare che ci troviamo di fronte a una nuova cripto-truffa che opera sotto l’ormai classico sistema piramidale.

Cosa è Trust Investing

Trust Investing è una società specializzata nella gestione di investimenti finanziari, basati su operazioni Forex reali, Trading in criptovalute.

La prima cosa che dovresti sapere è che Trust Investing gestisce le criptovalute tramite un broker o un intermediario che è incaricato di effettuare le transazioni e addebita una percentuale per occuparsi del processo.

Sul loro sito web non dichiarano mai che tipo di broker usano o di quale organizzazione fanno parte e, d’altro canto, affermano che non hanno bisogno di una licenza per operare, perché non operano nel mercato azionario di nessun paese.

Come funziona Trust Investing

Nemmeno il loro sistema aziendale sembra essere troppo credibile, dal momento che offrono diversi pacchetti che vanno da depositi minimi di 15 dollari (conto iniziale) a un massimo di 100 mila (conto Eleven Stars). Il punto è che promettono benefici di circa il 20% al mese, che si traduce nel 200% in un periodo di 10 mesi. E tutto questo senza che i clienti debbano fare assolutamente nulla! L’idea è che tu dia i tuoi soldi a persone che non conosci, confidando che li moltiplicheranno per te.

Sul sito di Trust Investing non è possibile registrarsi, si può accedere solo con un account precedentemente creato. Per iniziare a usarlo devi arrivare tramite un link di riferimento attraverso il quale ti iscrivi su invito di un’altra persona o sito web, utilizzando un modulo di registrazione. Con il tuo investimento iniziale, quella persona guadagnerà denaro.

Ovviamente, l’unica cosa che Trust Investing chiede ai suoi membri è che provino ad aggiungere quante più persone possibile a quello che chiamano “Club dei vantaggi“. La sua visione aziendale, infatti, è la seguente: “generare reddito aggiuntivo per un maggior numero di persone, attraverso una società di trading nel mercato finanziario”.

L’attivazione dell’account avviene tramite bitcoin, il che garantisce che sia estremamente difficile rintracciare il denaro, motivo per cui c’è la possibilità che subito dopo aver depositato il pagamento dell’abbonamento, non vedrai mai arrivare un centesimo da Trust Investing.

Schema Ponzi o truffa piramidale

Il principale mezzo di sostentamento, a nostro avviso, sono senza dubbio gli investimenti dei nuovi membri. Questo sistema è conosciuto come schema Ponzi o truffa piramidale, il quale non è da confondere con il Marketing multilevel che invece propone un prodotto reale, tangibile.

Negli anni ’20 del secolo scorso, Carlo Ponzi riuscì a coinvolgere un gran numero di persone in un ingegnoso “business”, sostenuto dal costante inserimento di nuovi soci. Di conseguenza, quest’uomo promise di restituire a queste persone il 100% del loro denaro in tre mesi, utilizzando come copertura la vendita di buoni internazionali che gli emigranti italiani inviavano come aiuto finanziario ai loro parenti nella penisola.

Il tempo ha dimostrato che questo non era altro che un capolavoro del crimine, dal momento che non esisteva davvero alcun prodotto o servizio che generasse i profitti. Ciò che ogni persona coinvolta ha ricevuto proveniva esclusivamente dal denaro depositato dalle nuove vittime.

Si tratta di un’operazione di investimento fraudolenta, un sistema piramidale, in cui l’unico modo per distribuire i benefici richiede che i partecipanti raccomandino e attraggano più clienti con l’obiettivo che i nuovi adepti producano benefici per coloro che sono entrati per primi.

Questo sistema non investe in strumenti finanziari o di altro tipo, ridistribuisce solo denaro da alcuni investitori ad altri, quindi il sistema funziona solo se il numero di investitori nella piramide cresce continuamente. Una volta che le persone smettono di entrare nel “business”, il truffatore non può mantenere la sua promessa e la piramide crolla.

Lo schema Ponzi generalmente sopravvive per due motivi: vengono aggiunti nuovi membri (nuovi investimenti) e gli ex membri reinvestono i loro guadagni nel piano per aumentare il loro reddito (reinvestimento).

Altri segnali che ci fanno pensare ad una truffa

Una serie di dettagli, che ora andremo ad analizzare, ci portano alla conclusione che si tratti di una truffa vera e propria.

I suoi fondatori

Indagando un po’ di più scopriamo che i suoi fondatori sono “un gruppo di imprenditori del Trading, del Multilevel Marketing e delle tecnologie che hanno unito le loro esperienze per creare una formula di successo”.

Tuttavia, se andiamo un po’ più a fondo e cerchiamo i loro nomi su Google, scopriamo che questi cosiddetti professionisti non hanno alcun tipo di profilo professionale che attesti le loro carriere che vanno dai 10 ai 19 anni di esperienza.

E’ molto difficile credere che alcuni “professionisti” che hanno una storia così lunga nel mondo degli affari e del marketing non abbiano alcun tipo di presenza online se non un semplice account Instagram personale.

Il sistema di affari

I falsi broker sono quelli che esercitano servizi di intermediazione finanziaria senza avere l’autorizzazione a farlo. Il “business” di Trust Investing consiste nell’essere parte della rete, in cui i suoi affiliati affidano il proprio capitale a networker che fanno trading per loro. Una metrica importante utile per identificare i progetti loschi è che si impegnano a generare grandi ritorni semplicemente investendo nella loro piattaforma.

Allo stesso modo, l’incentivo a fare una rete di riferimento è ampiamente diffuso sui loro social network e ogni giorno pubblicano foto di presunti clienti soddisfatti con guadagni esorbitanti che in molti casi superano le migliaia di dollari. Ma diciamoci la verità: come è possibile che un’azienda completamente sconosciuta fino a un anno fa sia in grado di dare un rendimento del 200%?

Nessuna licenza

Un broker è un istituto finanziario che cerca di attirare i clienti in modo che l’azienda possa gestire il suo capitale. Scegliere un broker affidabile è molto importante, poiché riceverà i nostri soldi ed eseguirà le operazioni che gli affidiamo, quindi, deve essere serio e trasparente. Per questo è necessario verificare che sia un broker che abbia la licenza per operare.

I falsi broker sono quelli che esercitano servizi di intermediazione finanziaria senza essere autorizzati a farlo, come nel caso del Trust Investing. Sebbene il trading con un broker non autorizzato non sia sinonimo di truffa, ne aumenta le possibilità.

Chi vuole iniziare a fare trading può farlo molto bene con strumenti più efficienti ma soprattutto sicuri, trasparenti e affidabili. Parliamo di piattaforme di trading regolamentate a livello europeo, che dispongono di tutte le autorizzazioni al commercio e che sono fornite da società di cui si sa tutto, nome, numero di licenza, ubicazione, strumenti offerti, come eToro.

eToro: alternativa affidabile

Se sei inesperto nel trading e vuoi iniziare comunque a muoverti in questo mondo, puoi optare per la seconda opzione. Oggi puoi copiare automaticamente i trader esperti tramite piattaforme di Copy Trading come eToro, una piattaforma regolamentata in Europa, piuttosto che perdere il tempo con questi mezzi discutibili.

Un principio fondamentale, comunque, da cui partire, è quello della formazione: informarsi sempre. Il secondo principio più importante è quello di utilizzare broker e piattaforme regolamentati, legali, sicuri e conosciuti, con tutti i documenti necessari in modo da poter operare come dici tu. Un esempio di una piattaforma ben nota, sicura e regolamentata è eToro.

eToro, grazie alla funzionalità del copytrading, a disposizione completa del cliente senza nessun costo aggiuntivo, è una delle piattaforme di trading più rivoluzionarie, in cui ogni giorno è possibile copiare automaticamente tutte le operazioni lanciate dai trader migliori e più profittevoli.

investire in automatico con eToro

Una volta scelti quelli migliori, eToro in modo automatico, penserà a tutto il resto, replicando tutte le loro operazioni nel nostro conto Trading. Si tratta, quindi, di una modalità molto semplice adatta anche a chi non ha alcuna esperienza nel settore.

Iscriviti subito ad eToro ed inizia a verificare come poter guadagnare in modo sicuro grazie al trading online: clicca qui e vai su eToro

Conclusioni su Trust Investing

Non tutto è come questi sistemi ci fanno credere, al mondo non ci sono soldi facili, se ti promettono alti rendimenti garantiti, la cosa più ragionevole da fare è fuggire il più lontano possibile. Ed è esattamente ciò che consigliamo di fare con Trust Investing.

In ogni caso, se in futuro ti viene presentata qualche tipo di proposta commerciale che promette utili vantaggiosi in poco tempo, senza investire troppo, ti consigliamo di chiederti da dove provengano e se vuoi davvero farne parte. A te ora la scelta.

Domande frequenti

 

Trust Investing è una truffa?

I molti elementi analizzati ci fanno propendere per una risposta positiva. Di certo c’è che non si tratta di qualcosa di molto affidabile.

Esistono alternative affidabili a Trust Investing?

Certo, chi vuole iniziare a fare trading può farlo molto bene con piattaforme più efficienti ma soprattutto sicure, trasparenti e affidabili come eToro

Cosa è Trust Investing?

Trust Investing è una società “specializzata” nella gestione di investimenti finanziari, basati su operazioni Forex reali, Trading in criptovalute.

E’ sicuro investire in criptovalute?

Sì, è del tutto sicuro purché si utilizzino piattaforme legali e non si cada preda di truffatori.

Il nostro punteggio
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here